Trattamento con FotoElettroFenton elimina l'atrazina e suoi sottoprodotti dalle acque

L'atrazina è un erbicida della famiglia delle triazine ed è vietata in Italia dal 1992, ma negli Stati Uniti è tuttora considerata un valido erbicida e per questo motivo, essendo ben solubile, ma più che altro persistente, la si riscontra nei corsi d'acqua (a volte anche in Italia).

Questo erbicida è utile per trattate le erbe infestanti delle colture appartenenti alla classe delle dicotiledoni, che uccide dopo che le pianta l'hanno assorbito attraverso i loro organi epigei, ovvero gli organi vegetativi che si trovano al di sopra della superficie del terreno. Un erbicida che agisce sugli organi in vegetazione richiede la presenza della pianta in campo e quindi viene classificato tra quelli attivi in post-emergenza.

In questo caso l'erbicida esplica anche un effetto dannoso sulle specie selvatiche acquatiche e, agendo come disruptore ormonale (disturba l'equilibrio ormonale; to disrupt=disturbare) è pericoloso anche per l'uomo.

In un recente studio, pubblicato sulla rivista Water Research, un gruppo di ricercatori diretto da Patrick Drogui dell'Istituto Nazionale per la Ricerca Scientifica (Quebec, Canada) ha confrontato alcuni metodi utilizzabili per degradare l'atrazina e tra essi ha posto in luce che quello basato sull'utilizzo di 'Foto-Elettro-Fenton' (PEF) risulta particolarmente efficace per rimuovere questo erbicida dalle acque. Tale procedimento è particolarmente efficace nel rimuovere l'atrazina dalle acque superficiali, campionate nelle aree agricole; questo aspetto risulta quindi, per noi, di grande interesse.

Per provare questa nuova tecnica di depurazione delle acque da agenti chimici inquinanti, i ricercatori hanno utilizzato un reattore, cioè un idoneo contenitore in cui è stata poi versato un campione di acqua inquinato da atrazina.

Il reattore applicava un metodi di trattamento ibrido, ovvero che si vale della combinazione di processi fotochimici, elettrochimici e foto-elettrochimici all'interno dello stesso reattore. Dopo 15 minuti di trattamento, come riferisce la fonte, era stata eliminata il 99% dell'atrazina, ma per parlare di sicurezza bisogna anche poter degradare i suoi sottoprodotti di reazione, i quali effettivamente, dopo 45 minuti, risultavano in concentrazioni inferiori ai limiti tollerati in campioni sintetici.

Riferiscono i ricercatori che in qualunque luogo sia stato effettuato il trattamento, l'acqua di superficie ha mostrato un abbattimento del 96%-100% dei sotto-prodotti di atrazina.

Come coautore dello studio il Professor Patrick Drogui spiega, 'Di questi tempi la sfida è sviluppare tecnologie industriali di basso costo, che possano essere utilizzate per trattare grandi volumi di acqua e simultaneamente rimuovere i micro-inquinanti, come gli antiparassitari ed i loro metaboliti, i quali possono essere più tossici dei composti originali.'

Sebbene l'utilizzo del Foto-Elettro-Fenton (PEF) sia una tecnologia pulita ed efficace, essa richiede un po' più di lavoro per combinarsi, in un impianto di trattamento dell'acqua, con il processo di trattamento biologico e renderlo più efficiente dal punto di vista energetico.

I ricercatori segnalano che è necessaria ulteriore attività di ricerca per ottenere una migliore comprensione di come il meccanismo di degradazione dell'atrazina, identificato nello studio, funzioni in presenza di sostanza organica.

Fonte/i: Institut national de la recherche scientifique – INRS (Canada), 18 settembre 2017

Autore dell'articolo: , 30 settembre 2017

Indirizzo permanente di questo articolo: https://www.agrolinker.com/?id=1763

© Riproduzione Riservata          Collegamento all'elenco dei feeds RSS di Agrolinker         

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.

Alcuni articoli tematicamente collegati:
  1. Come eliminare i virus alimentari aiutandosi con succo di mirtillo e di agrumi

  2. Sapone dalla paglia dei cereali

  3. Come ridurre il grado alcolico dei vini mantenendo le loro proprietà sensoriali

  4. Realizzato un dispositivo economico che produce energia abbattendo l'inquinamento da caffeina

  5. Trattamento con FotoElettroFenton elimina l'atrazina e suoi sottoprodotti dalle acque

Collegamento all'elenco dei feeds RSS di Agrolinker