Cosa sono e come funzionano i forum di discussione

I forum di discussione sono i discendenti delle 'preistoriche' bacheche virtuali ('message boards') molto diffuse su internet.
Attualmente i programmi anche gratuiti per la gestione dei forum a disposizione dei webmaster sono particolarmente sofisticati e permettono una sottile regolazione di moltissime opzioni, che fanno si che questi luoghi di discussione divengano dei luoghi virtuali dove immergersi nel tempo libero distraendosi dalla vita di tutti i giorni, oppure al contrario trovando quelle preziose informazioni per il proprio lavoro che non si riescono ad ottenere nei normali rapporti umani nella vita di tutti i giorni; questo forse perché tra gli utenti di internet si crea spesso uno spirito di condivisione di informazioni, uno spirito che porta persone anche molto differenti tra loro per cultura e forma-mentis a condividere alcuni valori e alcuni modi di interagire, che spesso inconsciamente l'utente di internet porta, poi, con sé nella vita di tutti i giorni.

Anche il forum più tecnico lascia spesso il passo alla chiacchiera e all'amicizia tra gli utenti e, forse, la cosa più bella che esso mette a disposizione è l'annullamento della dimensione temporale, essendo possibile rispondere nel giro di poche ore ad utenti che in circostanze diverse non si sarebbero mai incontrati tra di loro, neanche nella vita quotidiana, poiché, magari, hanno orari di lavoro diversi, orari di riposo diversi, fusi orari diversi.
Insomma forse, per quanto riguarda i forum, non c'è molto da spiegare circa il funzionamento essendo, essi, degli strumenti dall'uso molto semplice ed intuitivo; le differenze che, a volte, esistono tra un forum e l'altro devono, invece, essere imparate di volta in volta, poiché gli stessi settaggi di ogni forum fanno sì che uno stesso forum settato da due webmaster diversi appaia in modo molto diverso e funzioni anche in modo diverso (a causa delle moltissime opzioni settabili).

Certamente, però, rispetto a tutti gli strumenti di comunicazione via internet, il forum offre da un lato il vantaggio della sicurezza (non rischio di attacchi di hacker mentre si scrive sul forum, o di e-mail con virus, o peggio 'troyan' (='cavalli di troia'), nè problemi di intasamento della casella di posta (come capita nelle mailing-list), nè rischi di 'spam' (come capita nei newsgroup e nelle mailing-list); la maggiore o minore sicurezza dipende però molto dalla volontà di nascondere l'e-mail agli altri utenti piuttosto che renderla pubblica (evitando così, più che altro, problemi di spam (posta sgradita e pubblicità). Per poter far sapere la propria casella ad un altro utente, senza incorrere in alcun rischio, si può ricorrere a qualche stratagemma (magari un pò articolato), come ad esempio, il dargli appuntamento su di una chat (magari vocale) e chattare con lui/lei, (magari in chat privata, a due): in quel caso vi potrà sentire solo il webmaster (se capita di lì e se non siete in una chat cinese, o araba!!!).

In definitiva il forum è uno strumento agevole, per una piacevole discussione: sempre che non si abbia voglia di comunicare in tempo reale, ma ciò è possibile anche nella vita di tutti i giorni! L'unica caratteristica spesso sgradita all'utente del forum è la necessità di iscriversi e quindi di conservare password ed username, ma questa procedura è legata alla necessità di far si che il forum sia frequentato da gente responsabile che sa quello che scrive e che quindi non va sul forum a disturbare gli altri; inoltre la procedura di registrazione permette al webmaster di monitorare il servizio e di valutare in funzione della frequentazione l'adeguatezza delle 'strutture' del sito alle necessità dell'utenza (ben quantificabile sulla base delle iscrizioni).

Inoltre su alcuni forum si crea un ambiente più familiare proprio perché i frequentatori si stabilizzano su un certo numero di 'affezionati' che addirittura acquisiscono dei 'gradi', rispetto al gruppo degli utenti, ciò in funzione del numero di post messi sul forum.
Il problema che resta è forse il più grosso: esistono molti forum, ma pochi sono adeguatamente frequentati e pochi trattano argomenti molto specifici; è evidente che quelli che trattano argomenti molto specifici è altamente probabile che siano poco frequentati, ma si può far in modo che essi divengano più frequentati facendo girare la voce (più che altro su internet e nei luoghi adatti); essi diverranno così fonti di importanti specifiche informazioni tecniche.

Dal punto di vista delle fonti di informazioni tecniche (nel nostro caso agricoltura, zootecnia, giardinaggio, floricoltura, ecc.) è d'obbligo, per non apparire parziali, precisare che è ovvio che, per reperire informazioni fresche, la fonte migliore siano i newsgroups (decine di migliaia in tutto il mondo e riguardanti moltissimi specifici argomenti), mentre il forum, forse, si presta più per postare dei messaggi che si vuole siano visibili a lungo (notizie importanti, ecc.); è comunque pur sempre possibile che esistano forum trattanti temi non presenti su alcun newsgroup (almeno tra quelli nella propria lingua parlata)..... e in questo contiamo sul fatto che molti degli argomenti dei forum di Agrolinker siano (purtroppo) poco presenti nei siti italiani, ma non abbiamo e non avremo paura di segnalarvi tutti i forum 'concorrenti' con i nostri nella pagina dei link ai forum di discussione.

Collegamento alla sezione di Agrolinker dedicata alla messa a punto dell'iscrizione al forum di Agrolinker, nella quale sono riportati alcuni utili consigli per i neo-iscritti e coloro che si vogliano iscrivere.

Fonte/i: -

Autore dell'articolo: , 23 febbraio 2003

Indirizzo permanente di questo articolo: https://www.agrolinker.com/?id=750

© Riproduzione Riservata          Collegamento all'elenco dei feeds RSS di Agrolinker         

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.

Alcuni articoli tematicamente collegati:
  1. Una ricerca ha esaminato le migliori tecniche di promozione di attività floricole su Facebook

  2. Il blog, un efficace strumento di comunicazione per i divulgatori agricoli universitari

  3. Le professionalità nella comunicazione scientifico-agraria e la divulgazione della ricerca universitaria: lo scrittore di notizie agricole

  4. Alcune esperienze sull'uso del social-network Twitter nella divulgazione online delle scienze agrarie

  5. Cosa sono e come funzionano i forum di discussione

Collegamento all'elenco dei feeds RSS di Agrolinker