Ho un terrenom (eredita) come mi muovo ?

Questo è un forum di discussione ed è quindi possibile inserire quesiti riguardo i seguenti argomenti:

Tecnica colturale, coltivazioni e piante erbacee, orticole, frutticole, lavorazioni suolo, fertilizzazioni, difesa colture, allevamento del bestiame, macchine e meccanizzazione agricola, innovazioni per l'agricoltura.
Bloccato
ariccucci
Newbie
Newbie
Messaggi: 1
Iscritto il: 01 gen 1970 02:00
Località: 0

Ho un terrenom (eredita) come mi muovo ?

Messaggio da ariccucci » 01 set 2010 13:46

Ho ereditato un terreno 1 ha di vite (chianti aretino) in non buone condizioni, 1 ha di seminativo e 2 ha di bosco.
Fermo restando la vigna da risanare chiedo : Per gestire questa estensione c'è bisogno di un trattore o basta un motocoltivatore ?
Nel seminativo vorrei fare un impianto di olivi in futuro.
Il bosco datemi qualche idea (bosco di scope e ceduo)
Avatar utente
bill1
Newbie
Newbie
Messaggi: 24
Iscritto il: 01 gen 1970 02:00
Località: 0

Re: Ho un terrenom (eredita) come mi muovo ?

Messaggio da bill1 » 04 set 2010 15:18

Tutto dipende se lo vuoi lavorare (anzichè vendere, o affittare) per ottenere dei redditi, o solo per soddisfazione. Questo tipo di valutazione influisce sulle scelte a due diversi livelli:
- Produrre per sè permette di risparmiare sull'acquisto di alimenti ed ottenere produzioni di cui si conosce l'origine.
- Produrre per sè non necessita di acquistare quote di produzione, essenziali ad esempio nel caso si voglia produrre del vino da vendere.

Devo ritenere che il tuo quesito impostato direttamente sul come produrre implichi che tu abbia già definito quanto detto prima (autoconsumo-vendita della produzione) ed abbia già fatto dei conti di natura economica.

Quindi alla domanda se è necessario in rapporto all'impegno acquistare un trattore piuttosto che un motocoltivatore, direi che il trattore può trasportare la botte per i trattamenti, un carrettone per raccogliere il prodotto e può permetterti di arare il terreno a differenti profondità, cosa non sempre necessaria (dipende dal tipo di terreno), ed evitabile usando il motocoltivatore e chiamando poi ogni tanto un terzista per fare altre lavorazioni, che non saresti in grado di fare, con un motocoltivatore), e infine trattando le piante (1 ettaro di vite e forse 1 di olivo) con la pompa a spalla (con tutti i rischi per la tua salute che ne possono conseguire, o limiti all'uso di prodotti tossici); inoltre devi avere una buona dotazione di acqua in loco per preparare  a più riprese sul posto la miscela antiparassitaria.
Queste sono solo alcune notazioni che ho in mente adesso, altri forse focalizzerebbero maggiormente l'attenzione su altri aspetti. Potrebbe comunque essere utile che tu racconti qui, un po più nel dettaglio, cosa vorresti fare.

Nel caso punti invece a fare dei redditi, compatibilmente con la disponibilità nella tua zona ti consiglierei di fare i conti di utili e spese partendo dal costo delle operazioni fatte tutte da un terzista della tua zona.
Ultima modifica di bill1 il 04 set 2010 15:25, modificato 1 volta in totale.
Bloccato

Torna a “Forum Agricoltura Italiana | Discussioni”