INEA presenta Rapporto Immigrati in Agricoltura

Questo è un forum di lettura, ma è possibile anche inserirvi messaggi, sui seguenti argomenti:

Forum di documentazione su economia, statistica, politica agraria, sociologia rurale, marketing e mercato delle commodity agricole, estimo rurale, ecc. .


Non è consentito l'inserimento di annunci.
Bloccato
Avatar utente
admin
YaBB Administrator
YaBB Administrator
Messaggi: 1113
Iscritto il: 01 gen 1970 02:00
Località: Rome

INEA presenta Rapporto Immigrati in Agricoltura

Messaggio da admin » 15 ago 2009 07:20

L’INEA PRESENTA IL PRIMO RAPPORTO SU GLI IMMIGRATI NELL’AGRICOLTURA ITALIANA: IL 13% DEL TOTALE DEGLI OCCUPATI AGRICOLI SONO IMMIGRATI

Uscirà in autunno il primo Rapporto INEA dal titolo: Gli immigrati nell’agricoltura italiana.
La pubblicazione si inserisce all’interno del progetto di ricerca, coordinato dalla responsabile del progetto, dott.ssa Manuela Cicerchia, con il preciso scopo di valorizzare l’indagine sull’impiego degli immigrati in agricoltura, in Italia, che l’INEA svolge annualmente ormai da vent’anni ed i cui risultati vengono regolarmente pubblicati nel capitolo dedicato al lavoro in agricoltura dell’Annuario INEA.
Si tratta, come ormai di condivisa consapevolezza, di un fenomeno dalle dimensioni significative, con un trend di crescita costante. A titolo indicativo, l’indagine INEA relativa al 2008 – in corso di ultimazione – evidenzia che sono impegnati nell’agricoltura nazionale oltre 116.000 cittadini provenienti da Paesi extracomunitari, pari al 13% del totale degli occupati agricoli rilevati dall’ISTAT.
Il Rapporto approfondisce tematiche strettamente legate al fenomeno migratorio quali: questioni sociali, rapporti esistenti fra immigrazione e lavoro in agricoltura. L’originalità è assicurata dall’utilizzo di fonti ufficiali quali: Istat, ministero dell’Interno, ministero del Lavoro, Inps e Centri per l’impiego, che forniscono il dato quantitativo, e da interviste a testimoni di qualità (funzionari e rappresentanti di organizzazioni professionali; istituzioni regionali, provinciali e locali; organizzazioni sindacali; organismi di assistenza e solidarietà; imprenditori ed extracomunitari stessi) le quali, dando voce all’aspetto qualitativo del fenomeno migratorio, fanno sì che la stima che ne deriva possa essere sempre più vicina ad una realtà la cui definizione risulta difficile a causa delle sacche di irregolarità che da sempre tale fenomeno trascina con sé.
Il Rapporto si conclude con un significativo approfondimento regionale di tre aree nazionali rappresentate per il Nord dal Piemonte, per il Centro dalla Toscana e, per il Sud, dalla Puglia e dalla Calabria. Dal confronto di queste quattro regioni, diverse per vari aspetti, (la posizione geografica, la specializzazione colturale ed una tradizione più o meno datata nel rapporto costante con il fenomeno migratorio), emerge un aspetto che le accomuna, ossia, la necessità per il settore agricolo di ricorrere alla manodopera immigrata, soprattutto nelle fasi di raccolta, in un contesto di complementarietà con la manodopera locale.

Fonte: Comunicato stampa dell'Istituto Nazionale di Economia Agraria, del 5 agosto 2009.
Bloccato

Torna a “Economia, lavoro, politiche agricole italiane e dell'UE | News, articoli”