Caporalato, Agrinsieme:'Bene la legge, ma attenzione ai risvolti penali, nell'applicazione del provvedimento'

Archivio di notizie e comunicati relativi a leggi riguardanti l'agricoltura, il paesaggio, la forestazione, l'ambiente, i consumatori, la concorrenza, la privacy, la libera professione, il lavoro agricolo, i contratti di lavoro, ecc.
Gli argomenti trattati in questo forum possono essere di spunto per discussioni nel corrispondente forum della sezione 'Discussione e documentazione', posta poco sopra.
Bloccato
Avatar utente
admin
YaBB Administrator
YaBB Administrator
Messaggi: 929
Iscritto il: 01 gen 1970 02:00
Località: Rome

Caporalato, Agrinsieme:'Bene la legge, ma attenzione ai risvolti penali, nell'applicazione del provvedimento'

Messaggio da admin » 22 apr 2017 22:04

Secondo il coordinamento tra Cia, Confagricoltura, Copagri e Aci agroalimentare non si è operata la dovuta distinzione tra reati gravi e violazioni, anche solo meramente formali. Ciò porterà a una totale discrezionalità che va corretta nei provvedimenti attuativi.

Rosarno, 24 ottobre 2016 – “Condividiamo le parole del ministro per le Politiche agricole Martina che - a Rosarno, dove ha presentato la legge sul caporalato - ha commentato che si è passati dalle parole ai fatti e che bisogna unire diritti e reddito. Però ribadiamo che la legge doveva essere l’occasione per soddisfare lavoratori e aziende agricole sane, che sono la maggioranza. Anche qui a Rosarno la gran parte di aziende, cooperative e organizzazioni di prodotto agricole lavora nella piena legalità e rappresenta il bicchiere mezzo pieno di cui bisogna tener conto”. Lo sottolinea Agrinsieme in una nota stampa diffusa oggi.

“Restiamo convinti del fatto che bisognava varare una legge - prosegue Agrinsieme - che tutelasse maggiormente le aziende datoriali sane che, dai fatti criminali come il caporalato, subiscono un’ingiusta concorrenza sleale. L’impegno deve essere anche quello di salvaguardare il reddito delle aziende agricole”.

Il coordinamento tra Cia, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative agroalimentari ricorda che - nella parte del testo normativo in cui si individuano gli indici di sfruttamento del lavoro - non si è operata la dovuta distinzione tra reati gravi/gravissimi e violazioni, anche solo meramente formali, della legislazione e sul lavoro e della contrattazione collettiva. Ciò finirà per determinare una totale discrezionalità da parte di chi è deputato all’applicazione della legge, in primis gli ispettori del lavoro e a un secondo livello la stessa magistratura, considerata la mole importante di contenzioso che presumibilmente si andrà a produrre.

“Questa legge - conclude Agrinsieme – è importante e la stiamo presentando alle aziende associate, però non può essere considerata un punto d’arrivo. Ci impegneremo affinché, almeno nella fase attuativa del provvedimento, si faccia chiarezza. Nel rispetto delle aziende che hanno sempre rispettato le regole”.

Comunicato stampa di Confagricoltura - Area Comunicazione, 24 ottobre 2016
Bloccato

Torna a “Leggi e decreti per agricoltura e paesaggio”