Alzato al 20% il succo d'arancia minimo nelle bibite gasate

Questo è un forum di lettura, ma è possibile anche inserirvi messaggi, sui seguenti argomenti:

Archivio di notizie e comunicati relativi a leggi riguardanti l'agricoltura, il paesaggio, la forestazione, l'ambiente, i consumatori, la concorrenza, la privacy, la libera professione, il lavoro agricolo, i contratti di lavoro, ecc.


Non è consentito l'inserimento di annunci.
Rispondi
Avatar utente
admin
YaBB Administrator
YaBB Administrator
Messaggi: 963
Iscritto il: 01 gen 1970 02:00
Località: Rome

Alzato al 20% il succo d'arancia minimo nelle bibite gasate

Messaggio da admin » 18 giu 2014 10:47

UE: COLDIRETTI, SCONFITTA LOBBY ARANCIATA SENZA ARANCE

Grazie al Governo per vicinanza ad imprese agricole e consumatori
E’ stata sconfitta la lobby delle aranciate senza arance grazie all’azione del Governo che si è dimostrato vicino agli interessi reali delle imprese agricole e dei consumatori. E’ quanto afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel commentare positivamente il voto dell’aula della Camera all’emendamento del Pd con primo firmatario Oliviero Nicodemo alla legge Comunitaria che alza il contenuto minimo di succo di frutta nelle bibite gassate dal 12 al 20 per cento. Finalmente - sottolinea la Coldiretti – ci sono le condizioni per cambiare una norma che permette di vendere l’acqua come fosse succo. Quando la legge sarà approvata duecento milioni di chili di arance all'anno in piu' saranno “bevute” dai 23 milioni di italiani che consumano bibite gassate, il che significa cinquantamila chili di vitamina C in piu’. Una decisione che - sostiene la Coldiretti - concorre a migliorare concretamente la qualità dell'alimentazione e a ridurre le spese sanitarie dovute alle malattie connesse all'obesità in forte aumento. Non va peraltro dimenticato - conclude la Coldiretti - l'impatto economico sulle imprese agricole poichè l'aumento della percentuale di frutta nelle bibite potrebbe salvare oltre diecimila ettari di agrumeti italiani con una estensione equivalente a circa ventimila campi da calcio, situati soprattutto in regioni come la Sicilia e la Calabria.

Comunicato Coldiretti n.°407 del 10 giugno 2014
Rispondi

Torna a “Leggi e decreti per agricoltura e paesaggio | News, articoli”