Etichettatura, Confagricoltura:'Dal 19 aprile per i formaggi obbligatorio indicare l'origine del latte. [..]

Questo è un forum di lettura, ma è possibile anche inserirvi messaggi, sui seguenti argomenti:

Forum di documentazione su agricoltura effettuata con produzioni certificate, attraverso un metodo di produzione 'biologico', produzioni di qualità, altre certificazioni di processo produttivo e di prodotto del settore agroalimentare, la multifunzionalità in agricoltura, l'agriturismo come attività agricola accessoria.

Non è consentito l'inserimento di annunci.
Bloccato
Avatar utente
admin
YaBB Administrator
YaBB Administrator
Messaggi: 967
Iscritto il: 01 gen 1970 02:00
Località: Rome

Etichettatura, Confagricoltura:'Dal 19 aprile per i formaggi obbligatorio indicare l'origine del latte. [..]

Messaggio da admin » 23 apr 2017 13:51

ETICHETTATURA, CONFAGRICOLTURA: “DAL 19 APRILE PER I FORMAGGI OBBLIGATORIO INDICARE L’ORIGINE DEL LATTE. PASSO AVANTI IMPORTANTE PER INFORMARE I CONSUMATORI E TUTELARE IL MADE IN ITALY”

Il 19 aprile entra in vigore l’obbligo di introdurre in etichetta l'indicazione dell'origine per i prodotti lattiero caseari in Italia. E’ previsto dal decreto dei ministeri delle Politiche agricole e dello Sviluppo Economico del 9 dicembre scorso. Sono esclusi solo i prodotti Dop e Igp che hanno già disciplinari relativi all'origine ed al latte fresco già tracciato.

In etichetta andrà indicata l’origine del latte: Italia, Paesi Ue, Paesi non Ue, a seconda della provenienza delle materie prime dei prodotti lattiero caseari a base di latte vaccino, ovicaprino, bufalino e di altra origine animale e per il latte UHT.

Solo per i prodotti con latte munto, condizionato e trasformato in Italia, si potrà scrivere in etichetta ‘100% latte italiano’. Se non c’è questa dicitura vuol dire che almeno una fase del processo non è stata fatta nel nostro Paese.

“Abbiamo sempre detto che, in materia di etichettatura e tracciabilità, la normativa debba essere definita da Bruxelles perché ci devono essere regole chiare ed univoche per tutti i Paesi dell’Unione europea – commenta Confagricoltura -. Comunque questo provvedimento (che ha avuto il placet di Bruxelles e che è già stato introdotto in Francia) è un banco di prova per dare ai nostri consumatori ulteriori elementi informativi per acquistare con consapevolezza”.

“Occuparsi di questi temi – conclude Confagricoltura – è un modo fondamentale per valorizzare il made in Italy, in ossequio alle migliori tradizioni italiane che ci fanno riconoscere nel mondo come eccellenza”.


Comunicato stampa di Confagricoltura - Area Comunicazione, 9 marzo 2017
Bloccato

Torna a “Certificazioni in agricoltura, denominazioni d'origine | News, articoli”