MIPAAF: Firmato accordo con ABI per moratoria di 30 mesi dei mutui degli allevatori

Questo è un forum di lettura, ma è possibile anche inserirvi messaggi, sui seguenti argomenti:

Sono qui riportati prevalentemente bandi ministeriali e di altri enti nazionali pubblicati per mezzo di comunicati stampa.

Non è consentito l'inserimento di annunci.
Bloccato
Avatar utente
admin
YaBB Administrator
YaBB Administrator
Messaggi: 1288
Iscritto il: 01 gen 1970 02:00
Località: Rome

MIPAAF: Firmato accordo con ABI per moratoria di 30 mesi dei mutui degli allevatori

Messaggio da admin »

LATTE, MIPAAF: FIRMATO ACCORDO CON ABI PER MORATORIA DI 30 MESI
DEI MUTUI DEGLI ALLEVATORI


MARTINA: CONTINUA IL NOSTRO IMPEGNO CONCRETO PER AFFRONTARE
LA CRISI DEL SETTORE

PATUELLI: L’ABI IMPEGNATA PER IL SETTORE LATTIERO CASEARIO


Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che il Ministro Maurizio Martina e il Presidente dell’Abi Antonio Patuelli hanno sottoscritto oggi il protocollo d’intesa per il rilancio del settore lattiero caseario, che contiene la moratoria di 30 mesi dei debiti bancari degli allevatori italiani.
L’accordo, infatti, prevede il meccanismo per la sospensione dei pagamenti dei mutui sottoscritti dalle imprese allevatoriali, attraverso le misure del Fondo latte per la ristrutturazione dei debiti degli allevatori del Ministero e l’Accordo per il Credito 2015.

Il protocollo prevede anche che le banche aderenti possano offrire condizioni migliorative rispetto a quelle previste dall’intesa Mipaaf-Abi.
Le imprese che non accedono ai benefici del Fondo Latte, anche appartenenti ad altri comparti del settore agroalimentare, possono comunque ottenere la sospensione del pagamento della quota capitale delle rate di mutuo, secondo quanto previsto dall’Accordo per il Credito 2015 o alle condizioni migliorative che sono in via di definizione da parte del Ministero con le singole banche.

“Servono risposte nuove - ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina - a una delle più forti crisi strutturali nel settore lattiero europeo. Per questo lavoriamo da mesi al sostegno dei nostri allevatori e l’accordo di oggi per la moratoria dei mutui per due anni e mezzo è un passo concreto in avanti. Un’azione che rafforza l’operatività del nostro Fondo latte da 50 milioni di euro e va a incidere su uno dei fronti più delicati, come quello del credito, provando ad aiutare le imprese lattiere in questa fase. Ringrazio l’Abi e il Presidente Patuelli per aver risposto al nostro appello in maniera tempestiva. Ora lavoriamo perché le singole banche possano offrire condizioni ancora migliori, venendo incontro alle esigenze di un settore strategico. L’Italia prosegue con serietà il lavoro quotidiano per il comparto lattiero, perché c’è bisogno di risolvere questioni mai affrontate anche a livello europeo”.

“La sospensione cumulativa per 30 mesi del pagamento di mutui - ha sottolineato il Presidente dell’Abi, Antonio Patuelli - è una delle iniziative comuni per favorire la ripresa nel nuovo contesto competitivo. L’Intesa mira anche a diffondere una maggiore conoscenza delle soluzioni descritte e indicare la possibilità che i benefici da esse previsti possano essere cumulati per realizzare il massimo vantaggio per le imprese. Il Protocollo – ha concluso Patuelli – prevede inoltre la costituzione con il Ministero di uno specifico tavolo tecnico per definire le modalità di trasformazione dell’attuale garanzia sussidiaria Ismea in uno strumento di mitigazione del rischio di credito coerente con la regolamentazione di Basilea. Lo stesso tavolo elaborerà delle proposte su nuovi strumenti di garanzia per favorire l’accesso al credito delle imprese del settore agricolo”.

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali - Ufficio Stampa, 16.03.16


Di seguito si riportano, tramite relativi comunicati, i commenti di Coldiretti e di Confagricoltura:


LATTE: COLDIRETTI, BENE MORATORIA DEBITI AZIENDE AGRICOLE

Una importante risposta alle nostre sollecitazioni per dare immediatamente una boccata di ossigeno e non fare chiudere le aziende agricole che da troppo tempo sono costrette a lavorare con prezzi di vendita al di sotto dei costi di produzione. E' quanto afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel commentare positivamente l'annuncio di una moratoria sui debiti fatto dal Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina in occasione della firma con Abi dell'intesa per sostegno finanziario agli allevamenti da latte, ma prevista anche per gli altri settori dell'agroalimentare. Se con il venir meno degli accordi sul latte il settore rischia ora di essere in balia delle inique offerte dell'industria, la situazione dei prezzi in campagna - sottolinea la Coldiretti - sta assumendo toni drammatici con crolli che vanno dal -43% per cento dei pomodori al -27% per il grano duro fino al -30% per le arance rispetto all'anno scorso. Per gli allevamenti le quotazioni per i maiali nazionali destinati ai circuiti a denominazione di origine (Dop) sono scese al di sotto della linea di 1,20 centesimi al chilo che non copre neanche i costi della razione alimentare cosi come i bovini da carne che sono pagati su valori che si riscontravano 20 anni fa. "E' importante che la moratoria sia accompagnata dall'impegno sul piano comunitario per ottenere subito l'obbligo di indicare la provenienza in etichetta per i derivati da carne e latte come ha chiesto ora anche la Francia", ha concluso Moncalvo nel sottolineare la necessità di "impedire che salumi e formaggi ottenuti con carne e latte stranieri siano spacciati per italiani con grave danno per i consumatori e gli allevatori". Secondo uno studio della Coldiretti 2 prosciutti su tre venduti come italiani, sono provenienti da maiali allevati all'estero, ma anche tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro che sono stranieri senza indicazione in etichetta, come pure la metà delle mozzarelle.

Coldiretti - Relazioni esterne, comunicato n.°205 del 16 marzo 2016


LATTE, ConfagriCOLTURA: ”BENE la moratoria sui mutui per gli allevamenti. Un
intervento chiesto ed atteso che va davvero nella direzione dei fabbisogni
dei nostri operatori”


“Finalmente un provvedimento concreto che va incontro alle necessità di
tesoreria dei nostri allevatori. Una misura che avevamo richiesto come
Confagricoltura e davvero atteso, che consentirà di dare liquidità immediata
alle imprese”. Ha commentato così Luigi Barbieri, il presidente della
Federazione Nazionale Produttori Latte bovino di Confagricoltura, la firma
del protocollo tra ABI e ministero per le Politiche agricole, con cui si
prevedono 30 mesi di sospensione dei pagamenti sui mutui sottoscritti a
favore degli allevamenti a valere del Fondo Latte.

“E’ un momento difficilissimo per il comparto – ha osservato Barbieri –, per
la congiuntura di mercato e la pressione competitiva altissima. Dopo la
delusione del Consiglio agricolo di lunedì scorso, che ha rinviato molte
decisioni essenziali, cogliamo ora questo obiettivo che, come abbiamo più
volte richiesto, consentirà di migliorare la situazione finanziaria degli
allevamenti”.

“Confidiamo infine – ha concluso il presidente della Federazione latte di
Confagricoltura – nei risultati del tavolo tecnico previsto dal protocollo
ABI-Mipaaf per varare nuovi strumenti di garanzia per favorire il ricorso al
credito da parte delle imprese del settore agricolo”.

Comunicato stampa di Confagricoltura - Area Comunicazione, del 16 marzo 2015
Bloccato

Torna a “Bandi e Opportunità per imprese e imprenditori agricoli | News, articoli”