Cambiamenti climatici - Italia Nostra: Le costanti emergenze autunnali, i cambiamenti climatici e le proposte concrete

Questo è un forum di lettura, ma è possibile anche inserirvi messaggi, sui seguenti argomenti:

Politiche per la tutela della biodiversità agraria, politiche per la tutela dell'ambiente agricolo, la coesistenza di zone naturali nel contesto agricolo, l'agro-forestazione, la lotta agli incendi, le politiche forestali.

Non è consentito l'inserimento di annunci.
Bloccato
Avatar utente
admin
YaBB Administrator
YaBB Administrator
Messaggi: 1078
Iscritto il: 01 gen 1970 02:00
Località: Rome

Cambiamenti climatici - Italia Nostra: Le costanti emergenze autunnali, i cambiamenti climatici e le proposte concrete

Messaggio da admin » 25 nov 2019 16:57

Italia Nostra segue con sempre maggiore preoccupazione l’evolversi della situazione a Venezia e le tante situazioni emergenziali che costellano la penisola in questo autunno di cambiamenti climatici. Di fronte agli eventi che si susseguono, è del tutto inutile abbandonarsi alle filippiche, semmai si deve immediatamente fare alcune considerazioni e agire nell’interesse del Paese.


Gli eventi metereologicamente estremi colpiscono l’Italia più di altri paesi europei. A dirlo è un ente autonomo, lo European Severe Weather Database che registra tutti gli eventi estremi – tornado, piogge torrenziali, grandinate eccezionali, tempeste di neve, valanghe – che si sono verificati in Europa. Nel 2019 gli eventi eccezionali sono stati 1.543, con una media di cinque al giorno. Se si confronta questo dato con quello di altri paesi europei si vede che l’Italia, da prima meno esposta ad eventi estremi rispetto a Spagna o Gran Bretagna, adesso è sottoposta molto di più a questi fenomeni. Questo vuol dire che nel nostro paese gli effetti dei cambiamenti climatici impattano più drammaticamente di altre parti del continente.


Tutto questo dovrebbe preoccupare a maggior ragione gli italiani e indurre la classe politica a mettere in campo strategie di adattamento agli effetti dei cambiamenti climatici sui territori. Da questo punto di vista, il contrasto al dissesto idrogeologico dovrebbe essere l’assoluta priorità nazionale. Per questo motivo come associazione chiediamo di:

1) Mettere celermente ed efficacemente a disposizioni degli enti locali i contributi per la messa in sicurezza dei territori previsti anche nell’ultima finanziaria;

2) Formare i dirigenti e i funzionari degli enti locali preposti al monitoraggio, alla gestione e alla messa in sicurezza dei territori (molti uffici tecnici sono impreparati);

3) Armonizzare un quadro normativo certo, statale e regionale, in cui operare per la messa in sicurezza dei territori;

4) Coinvolgere i cittadini nella manutenzione del territorio attraverso una reale partecipazione;

5) Accelerare l’iter approvativo del disegno di legge contro il consumo di suolo, fermo in Parlamento;

6) Spendere i soldi per la manutenzione ordinaria e non per opere straordinarie, spesso inutili se non deleterie;

7) Mantenere lo stock di patrimonio arboreo e forestale esistente;

8 ) Promuovere e avviare un’imponente programma di forestazione nazionale e di incremento del verde urbano e periurbano;

9) Revocare gli incentivi statali alle finte risorse energetiche rinnovabili, a partire dalle biomasse.


Allo stesso tempo invitiamo a rafforzare le strategie di mitigazione delle emissioni di gas serra in atmosfera per rimanere in linea con gli obiettivi dell’accordo di Parigi, contrastando ogni tendenza irresponsabilmente negazionista che ancora si annida entro e fuori Italia.

Mariarita Signorini
Presidente nazionale Italia Nostra

Giovanni Damiani
Consigliere nazionale Italia Nostra


Comunicato dell'Ufficio stampa Italia Nostra, inviato da Flavia Corsano, il 15 novembre 2019
Bloccato

Torna a “Biodiversità e ambiente agroforestale, aree protette | News, articoli”