Ortaggi biologici, sempre sani?

Argomenti di riferimento per le discussioni:

Le attività di agricoltura e zootecnia biologica, le produzioni di qualità certificata (DOP, IGP, DOC; biologico; HACCP), i prodotti agricoli venduti dagli agricoltori presso mercati locali (local-markets), o aziende, l'agriturismo.


Non è consentito l'inserimento di annunci.
Bloccato
pino

Ortaggi biologici, sempre sani?

Messaggio da pino »

E' vero che le condizioni di forzatura nella coltivazione biologica (in particolare coltivazione in serra, particolarmente con scarsità di luce) provocano il determinarsi di elevati tenori di azoto nel residuo secco e quindi tossicità per l'uomo?
L'ho letto su un libro, ma sono perplesso.
Ciao,
Pino
giuseppe
Newbie
Newbie
Messaggi: 1
Iscritto il: 01 gen 1970 02:00
Località: 0

Re: Ortaggi biologici, sempre sani?

Messaggio da giuseppe »

Ciao pino,
non è sempre vero.
Dipende dalla ricchezza in nitrati del terreno, e la disponibilità di luce della pianta.
Sono pronto ad essere smentito, ma il meccanismo dovrebbe essere questo:
la pianta assimila i nitrati presenti nel terreno e li accumula nelle foglie sotto forma di nitriti.
Questi ultimi sono dannosi per l'uomo.
La luce, provocando la fotosintesi, trasforma i nitriti accumulati nelle foglie, rendendoli innocui per la salute umana.
Quindi una pianta coltivata in pieno campo, gode di una migliore illuminazione di una coltivata in serra, quindi con buona probabilità avrà un tenore in nitriti più basso.
Comunque i disciplinari di produzione biologica, se rispettati, impongono il divieto di apporto di nitrati al terreno.
Credo che il problema riguardi più le produzioni tradizionali (non biologiche) di ortaggi a foglia verde coltivate sotto serra.
Bloccato

Torna a “Forum produzioni certificate, alimentazione, biodiversità | Discussioni”