Oranfrizer ci aiuta a capire etichetta succhi

Sono qui pubblicati quei comunicati aziendali che contengano elementi di reale interesse informativo, purchè non siano troppo lunghi, relativi ad eventi di valenza molto locale, marcatamente pubblicitari, poco focalizzati sul tema in oggetto e/o scarsamente informativi su di esso. Gli eventi, promossi qui gratuitamente, devono essere comunque di accesso libero e gratuito.

Non è consentito l'inserimento di annunci.
Bloccato
Avatar utente
admin
YaBB Administrator
YaBB Administrator
Messaggi: 1288
Iscritto il: 01 gen 1970 02:00
Località: Rome

Oranfrizer ci aiuta a capire etichetta succhi

Messaggio da admin »

CESENA: SAPORI E PROFUMI DI SICILIA AL MACFRUT 2010

Il responsabile marketing Salvo Laudani punta l’attenzione sulla percezione dei consumatori
“Più breve è l’etichetta, più un prodotto è naturale: bisogna fare maggiore chiarezza
la sfida è sottolineare la differenza tra una bevanda al sapore di frutta e una spremuta”


L’imprenditoria siciliana, in occasione del Macfrut 2010, porta a Cesena i più autentici sapori e profumi di Sicilia per stupire i palati dei visitatori con i succhi di arancia rossa, bionda e di mandarino.
L’azienda Oranfrizer, che sorge sulla piana di Catania, è una delle poche realtà economiche che segue ogni fase della catena produttiva, con un totale controllo della filiera: monitora i terreni e controlla il ciclo di maturazione degli agrumi, dalla fioritura alla raccolta dei frutti, e gestisce la lavorazione, la trasformazione ed il confezionamento dei succhi.
Oltre alle sue spremute di arance, Oranfrizer presenta i prodotti Almaverde Bio, una linea biologica creata per coloro che fanno dell’alimentazione una fonte di benessere.
Alcuni consumatori percepiscono i succhi come un’unica categoria di prodotto, la differenza tra l’uno e l’altro è data solo dal prezzo e dal marchio. Non tutti leggono le etichette in cui vengono indicate le percentuali di frutta contenuta, i trattamenti subiti dal prodotto, l’eventuale uso di additivi. Alcune bevande vengono realizzate con aromi e limitate percentuali di frutta ma esibiscono
pack con immagini che evocano l’idea di un succo pregiato confondendo il consumatore.
I succhi posizionati negli scaffali - e non nel banco frigo - nel migliore dei casi sono succhi da “concentrato” di frutta al 100%, subiscono diversi trattamenti e prevedono l’aggiunta di acqua; altri succhi, oltre ad avere una percentuale minore di concentrato e l’aggiunta di acqua, contengono anche zucchero, coloranti, conservanti e tanto altro ancora.
“Più breve è l’etichetta, più un prodotto è naturale – spiega il responsabile marketing Salvo Laudani
– i succhi prodotti da Oranfrizer potrebbero anche non avere un elenco di sostanze in etichetta, perché sono monoingrediente, sono spremute di frutta fresca al 100%, non si aggiunge né si toglie nulla, l’unico trattamento che subiscono è termico e le conseguenze sulle proprietà del succo sono
molto limitate. Crediamo che bisogna fare maggiore chiarezza e rendere più evidente agli occhi dei consumatori la differenza tra i succhi di frutta, i succhi con concentrati e le bevande – conclude Laudani – in un mercato fatto di immagini che possono confondere. A Cesena accanto agli altri grandi produttori, la nostra sfida è quella di sottolineare queste differenze, vogliamo sollecitare
operatori e consumatori ad un acquisto più attento”.
In linea con un percorso di internazionalizzazione, Oranfrizer presta attenzione a tutti i fattori chiave che possono migliorare il business e rappresenta oggi l’attore italiano più conosciuto del settore agrumi, cooperando in sinergia con le associazioni di categoria e le autorità pubbliche che promuovono l’export.
Macfrut dal 6 all’8 ottobre darà spazio nei diversi settori espositivi alle aziende leader che propongono nella vetrina italiana i prodotti, le attrezzature e i servizi che ottimizzano la logistica del comparto. Oltre 650 espositori prenderanno parte all’evento nazionale per incrementare scambi e conoscere nuove realtà. Le scorse edizioni hanno registrato un’affluenza di circa 21.500 visitatori,
di cui il 20% provenienti da paesi stranieri.
Oranfrizer, dopo le recenti presenze negli eventi di Mosca e di Hong Kong, rientra in patria per valorizzare - agli occhi degli operatori nazionali ed esteri - un prodotto “Made in Italy” dal sapore tutto siciliano.

Ufficio Stampa
Egle Zapparrata

Comunicato inviato in data: 5 ottobre 2010
Bloccato

Torna a “Comunicati aziendali informativi e locali | News, articoli”