EFSA Incoraggia alternative alla sperimentazione animale

Questo è un forum di lettura, ma è possibile anche inserirvi messaggi, sui seguenti argomenti:

Politiche per la tutela della biodiversità agraria, politiche per la tutela dell'ambiente agricolo, la coesistenza di zone naturali nel contesto agricolo, l'agro-forestazione, la lotta agli incendi, le politiche forestali.

Non è consentito l'inserimento di annunci.
Bloccato
Avatar utente
admin
YaBB Administrator
YaBB Administrator
Messaggi: 1058
Iscritto il: 01 gen 1970 02:00
Località: Rome

EFSA Incoraggia alternative alla sperimentazione animale

Messaggio da admin » 09 giu 2009 03:00

Il comitato scientifico dell’EFSA incoraggia alternative alla sperimentazione animale

Il comitato scientifico dell’EFSA ha sottolineato l’importanza di metodi di valutazione del rischio nel campo della sicurezza di alimenti e mangimi che non solo riducano al minimo l’impiego di animali utilizzati a fini sperimentali e le sofferenze a cui essi sono sottoposti, ma che conducano anche alla sostituzione degli esperimenti sugli animali. Il parere pubblicato esamina lo stato dell’arte in materia di utilizzo degli animali utilizzati a fini sperimentali nei vari campi interessati dalle attività di valutazione del rischio dell’EFSA e propone strategie che possono ridurre la necessità di studi sugli animali.

Il parere rileva che la sperimentazione animale va condotta in osservanza alle linee guida approvate dalla Commissione europea, dalle agenzie comunitarie o da altre organizzazioni internazionali come l’OCSE. Esso raccomanda inoltre un confronto tra EFSA e Commissione europea sui metodi migliori per affrontare l’inclusione di nuovi e convalidati metodi di test nelle attuali linee guida, che siano basati sulla sostituzione, la riduzione e l’affinamento delle sperimentazioni sugli animali. Viene sottolineata, inoltre, l’importanza di una buona comunicazione nel settore tra le varie agenzie che si occupano della valutazione del rischio chimico.

“Il presente parere costituisce un riesame esauriente dei principi guida sull’uso degli animali a fini sperimentali e sintetizza le possibilità di sostituzione, riduzione e affinamento delle sperimentazioni sugli animali nei vari campi interessati dalle attività dell’EFSA. Auspichiamo che questo parere aiuti l’EFSA a sviluppare ancora di più un approccio proattivo al benessere degli animali nell’ambito delle sue attività di valutazione del rischio fondate su solidi principi scientifici”, ha dichiarato il professor Vittorio Silano, presidente del comitato scientifico dell’EFSA.

La maggior parte delle valutazioni del rischio condotte dall’EFSA richiede dati sperimentali. Al momento non è possibile ottenere tutte le informazioni e i dati necessari per assicurare un livello elevato di protezione del consumatore senza il ricorso, almeno parziale, alla sperimentazione sugli animali.

Il parere elenca i tipi di metodi alternativi alla sperimentazione animale riconosciuti a livello internazionale e disponibili per vari tipi di studi utilizzati nella valutazione del rischio (ad es. prove di tossicità acuta, di irritazione cutanea e di irritazione oculare) e indica che questi vanno usati in linea con la vigente legislazione comunitaria[1] . Per quei settori in cui i metodi alternativi non sono in grado di fornire tutti gli elementi necessari, come per gli effetti tossici sulla riproduzione e lo sviluppo, il parere descrive strategie di sperimentazione e valutazione del rischio integrate che possono contribuire a ridurre la necessità di esperimenti sugli animali.

Il parere propone inoltre metodi per migliorare l’attuazione delle pratiche di benessere animale nell’ambito del lavoro dell’EFSA. Il comitato scientifico osserva che, in linea con la normativa comunitaria vigente, i richiedenti che presentano fascicoli all’EFSA devono utilizzare quanto più possibile metodi accettati che siano alternativi alle sperimentazioni animali. Il parere evidenzia inoltre quanto sia importante che nelle linee guida per i richiedenti, elaborate dall’EFSA, l’uso di tali metodi trovi pieno riscontro. Il comitato scientifico caldeggia inoltre la necessità, nel corso delle valutazioni del rischio, di riesaminare tutti i dati esistenti prima di richiedere studi aggiuntivi sugli animali.

Il parere rispecchia l’impegno dell’EFSA verso un continuo miglioramento del benessere animale nella conduzione delle valutazioni del rischio. Il comitato scientifico ha raccomandato all’EFSA di far seguire entro tre anni dal parere un riesame dei progressi nel campo delle alternative alla sperimentazione sugli animali.

Comunicato stampa dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare  (EFSA) dell'8 giugno 2009.

http://www.efsa.europa.eu/EFSA/efsa_loc ... 559504.htm
Bloccato

Torna a “Biodiversità e ambiente agroforestale, aree protette | News, articoli”